IN PRIMO PIANO

In arrivo la seconda edizione dell’ITALPET DOG RUN

I BASTIONI SI PREPARANO PER LA SECONDA EDIZIONE DELL’ITALPET DOG RUN: LA CORSA PER GLI AMICI A QUATTRO ZAMPE! All’Ex Zoo, il 29 e il 30 settembre, due giorni di attività dedicate ai cani di tutte le taglie.   Dopo il successo d ...
Continua..
La scienza è più potente quando condivisa: nasce Purina Institute

La scienza è più potente quando condivisa: nasce Purina Institute Purina Institute mette la nutrizione al centro delle conversazioni sulla salute degli animali domestici   Purina annuncia il lancio del nuovo Purina Institute, un’orga ...
Continua..
Tartarughe beach

TARTARUGHE BEACH 2018  Cesena 22 e 23 settembre Anche quest’anno… La  più grande esposizione mondiale specializzata in tartarughe! Sempre nei padiglioni di Cesena Fiera  L’evento, organizzato dal Tarta Club Italia, ass ...
Continua..
Polpette avvelenate killer al parco Spina Verde di Rimini

Polpette avvelenate killer intervengono le Guardie Zoofile   Rimini - Dopo aver ricevuto una segnalazione del ritrovamento di una possibile esca avvelenata, le Guardie Ecozoofile, giunte immediatamente sul posto, hanno potuto constatare l ...
Continua..
Come rimanere in forma e in salute insieme a Fido

Domenica 26 Agosto: giornata internazionale del cane Gli esperti consigliano la compagnia di fido per rimanere in forma e in salute   Studi d’Oltreoceano dimostrano che tra i benefici di avere un cane, oltre ad aumentare la socialit ...
Continua..
 

Dove convivono bambini e animali il grado di attenzione degli adulti deve sempre mantenersi alto: come sempre, vale il principio che è meglio prevenire.Cani e bambini hanno un linguaggio simile, utilizzano in modo prevalente la comunicazione corporea e vivono nel qui ed ora: ciò rende in molti casi il loro dialogo immediato e intuitivo. Ma proprio l’immediatezza, la franchezza, e anche la rapidità della comunicazione, e delle azioni-reazioni che ad essa seguono, possono trasformare, in certe situazioni, un incontro o una convivenza in tragedia.

 

Qui pro quo

Un cane che non conosce i bambini può avere difficoltà a comprendere i loro comportamenti. Comunicare non è sempre sinonimo di comprendere. Un cane può fraintendere un bambino e un bambino può non riuscire a decifrare il messaggio di risposta. I bambini corrono verso il cane, lo fissano negli occhi, agitano le braccia, gridano: un animale non abituato a questo tipo di atteggiamento può scambiare questa gioia ed il gioco per aggressione, e reagire di conseguenza. Cosa fare allora per evitare i pericoli? Ecco alcuni consigli.

 

L’adozione giusta

Prima di tutto adottare con cura: scegliere razza, taglia, attitudini del cane con oculatezza, in base alle proprie esigenze. Preferire cani con caratteristiche di socievolezza, docilità, tranquillità, non toglie i rischi in modo assoluto ma di sicuro li abbassa. Adottare dei cuccioli che abbiano trascorso almeno otto settimane di vita con la madre e i fratellini garantisce una buona base di adattabilità. Un’adozione troppo precoce o molto tardiva può talvolta compromettere il futuro equilibrio.

 

 

Cani e bambini possono essere inseparabili compagni di giochi e coccole per tutta la vita ma un cane può fraintendere un bambino e un bambino può non riuscire a decifrare il messaggio di risposta.


Rispetto
Genitori e bambini devono imparare a riconoscere i segnali comunicativi del cane, per potere, se necessario, intervenire in tempo. È necessario insegnare ad un bambino a rispettare i bisogni del cane ed i suoi spazi: non si deve disturbare Fido nei suoi luoghi di isolamento (cuccia, angoli, brandina), in particolar modo quando dorme e quando mangia.

 

Sotto controllo

Regola fondamentale è non lasciare mai bambini sotto i sette-otto anni e cani da soli, nemmeno per un minuto e nemmeno se si conoscono bene. Se accadesse qualcosa, oltre a non poter intervenire per prevenire il danno, l’adulto non saprebbe mai come si è svolto l’incidente e difficilmente potrebbe prevenirne ulteriori.

 

Premiato e contento

Socializzare il proprio cane è la base, insieme alla giusta età di adozione, per la sua l’adattabilità futura. Un cane ben socializzato accetterà meglio i cambiamenti e di conseguenza si abituerà prima e più facilmente alla presenza di un bimbo. Fin da subito, il cane va premiato e considerato in presenza del bambino e non in sua assenza o quando questo dorme. In questo modo esso assocerà il bimbo ad esperienze positive.

 

Il volto del bimbo è ad altezza di muso di cane: se questo morde le ferite possono essere anche molto gravi, anche se vengono inferte accidentalmente o con un morso moderato

 

Uomo avvisato...

Ossa od oggetti particolarmente interessanti per il cane potrebbero rappresentare un pericolo: spesso i bambini si avvicinano al cane per giocare e questo, nel timore di perdere l’oggetto per lui tanto prezioso, reagisce avvisando (ringhio, che può essere anche sommesso ed appena percepibile) e talvolta mordendo, se l’avviso non ha funzionato.

 

Al guinzaglio

Quando in casa ci sono amichetti, in particolar modo durante feste e compleanni, è bene mettere il cane almeno mezz’ora prima in un’altra stanza o portarlo temporaneamente altrove (da amici, parenti o altro). Potrebbe non riuscire a sottrarsi alle troppe attenzioni e reagire di conseguenza. Conducete il vostro cane nei luoghi pubblici sempre con il guinzaglio, o se necessario con la museruola. Non lasciate mai libero il cane se ci sono bambini e soprattutto se questi corrono o giocano con un pallone o altri oggetti.