IN PRIMO PIANO

uso prudente e misurabile degli antibiotici

Uso prudente e misurabile degli antibiotici (Cremona, 21 Ottobre 2019)- "E’ nell’interesse dei Medici Veterinari utilizzare i farmaci veterinari razionalmente, preservare l’efficacia degli antimicrobici e contrastare le resistenze neg ...
Continua..
Giornata mondiale obesità

GIORNATA MONDIALE DELL’OBESITÀ, ANCHE GLI ANIMALI DOMESTICI NE SOFFRONO, DAGLI ESPERTI LE REGOLE PER LA PREVENZIONE E LA CURA Il fenomeno dell’obesità non colpisce solo le persone ma anche i pet. Il 22% dei padroni infatti sovralimenta il ...
Continua..
Pet Word incontri informativi

Pet word Un ciclo di incontri per saperne di più sui nostri animali domestici L'arrivo di un cucciolo di cane in famiglia è sempre un momento di festa, ma richiede anche nuove responsabilità e consapevolezza della diversità animale. ...
Continua..
WWF libera cardellino tenuto illegalmente in gabbia

WWF libera cardellino tenuto illegalmente in gabbia L’uccellino era stato catturato e illecitamente detenuto presso l’ufficio dei custodi del cimitero comunale. Adesso è stata avviata un’indagine penale, poiché il cardellino è ...
Continua..
A Milano inaugurata la nuova area cani

Inaugurata la nuova area cani di P.le Accursio seMiniAmo è il progetto di Corporate Social Responsibility, ideato dall’agenzia di comunicazioneZack Goodmanin collaborazione con ilComune di Milano, che attraverso la partnership con la ...
Continua..
Chiusa con enorme successo la prima edizione di Pets In The City

Grande successo per Pets In The City il nuovo evento per tutti gli amanti dei pet! La manifestazione è stata accolta con entusiasmo da chi possiede "pet” o chi vorrebbe adottarli,in un contesto piacevole e ricco di proposte coinvolgenti. T ...
Continua..

Le Cattive abitudini


Quando parliamo al nostro cane, quando gli diamo dei comandi, siamo spesso convinti di rivolgerci ad un essere umano, non tenendo conto delle barriere linguistiche che dividono le nostre due specie. Spesso non ci rendiamo conto che uno stesso comando per il cane non ha la stessa valenza se viene usato in situazioni differenti.


 

Molti proprietari ripetono un numero indefinito di volte lo stesso ordine, magari mentre il cane lo sta eseguendo o lo ha appena eseguito. Questo comporta imbarazzanti misunderstanding. 

Ti siedi o no?

Ad esempio, se abbiamo insegnato al nostro cane il comando "seduto!”, vuol dire che esso ha imparato ad appoggiare a terra il posteriore, rimanendo fermo in quella posizione. Ma se il cane è disteso a terra, per noi è logico che lo stesso ordine voglia dire che il cane deve alzarsi sulle zampe anteriori o alzarsi completamente e poi appoggiare a terra il posteriore: per il cane, invece, non è facile capire questo procedimento.

A distanza

La stessa cosa capita se il cane è lontano da noi. Coloro che praticano l’obedience, sport cinofilo che valorizza ed esalta l’obbedienza del cane, sanno bene che l’ordine dato a distanza equivale ad un ordine differente che richiede un training differente. Pertanto se avremo insegnato al cane a sedersi quando è al piede o seduto di fronte a noi, quasi certamente non ubbidirà se gli daremo lo stesso ordine quando si trova ad alcuni metri di distanza, ma si avvicinerà e si siederà davanti a noi, come gli abbiamo insegnato ed è abituato a fare.

L’obedience è uno sport cinofilo molto apprezzato, che valorizza ed esalta l’obbedienza del cane e favorisce al tempo stesso l’instaurarsi di un rapporto molto stretto fatto di fiducia e affetto reciproco.

Fermo... o resta?

Così se vogliamo che il nostro cane rimanga fermo nelle posizioni statiche di "seduto” o "terra”, daremo l’ordine di "resta!”, mentre se vogliamo che si fermi da una posizione dinamica, mentre cioè sta camminando a fianco a noi, useremo il termine "fermo!”. Si tratta di due azioni completamente differenti, che richiedono due comandi diversi.

"Seduto, seduto, seduto”

Un altro errore che molti proprietari commettono è quello di ripetere un numero indefinito di volte lo stesso ordine, magari mentre il cane lo sta eseguendo o lo ha appena eseguito. Così, se il cane non risponde al primo comando "seduto”, spesso ripetono "seduto, seduto, seduto”, anche, magari, mentre il cane si sta sedendo. Allora il cane capirà che deve sedersi quando sente il comando "seduto, seduto, seduto”.

Comandi... snaturati

Allo stesso modo molte volte quando i proprietari lasciano libero il proprio cane, per timore che si allontani o possa accadergli qualcosa di male, tendono a richiamarlo continuamente, facendo sì che questi a lungo andare non risponda più al comando.

Quando parlano al proprio compagno molti padroni sono convinti di rivolgersi a un essere umano, e non a un cane. In questo modo non tengono conto delle barriere linguistiche che dividono le nostre due specie.

L’abitudine snatura il comando

Se vogliamo quindi che il nostro cane ascolti e obbedisca ai nostri comandi, dobbiamo evitare che si abitui ad essi. Come fare? Basta darne pochi, ma autorevoli.


Ti potrebbe interessare anche:


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!