IN PRIMO PIANO

Nuova Indagine ANMVI - I proprietari e gli animali da compagnia

Pet owners sempre connessi, ma è il Veterinario il vero influencer Proprietari più istruiti: pet più curati, cresce la domanda di competenza e professionalità. Il 91% dei proprietari ha un Veterinario di fiducia. Il 94% di loro dichiara di ...
Continua..
Tutto pronto per la nuova edizione del Dog Pride Day

La 14a edizione dell'evento si terrà a Montecatini Terme, domenica 19 maggio 2019. Dog Pride Day   La manifestazione Dog Pride Day è nata nel 2006 da un'idea della Prof.ssa Clara Mingrino che insieme a un gruppo di altri p ...
Continua..
Rapporto Assalco – Zoomark: Pet, diritti e possesso responsabile. L’opinione degli italiani.

 XII° edizione del Rapporto Assalco – Zoomark Pet membri della famiglia per più dell’80% degli italiani. Emerge la necessità di un maggiore riconoscimento a livello istituzionale I proprietari degli animali da compagnia in I ...
Continua..
Cervia e Milano Marittima città amiche degli animali

Grazie alla volontà dell’amministrazione comunale e all’impegno di Inodorina A CASA E IN VACANZA CON IL PET: L’ITALIA SI SCOPRE PET-FRIENDLY Tutti gli indicatori lo confermano, gli italiani sono sempre più affezionati ai loro amici a 4 za ...
Continua..
Varese a quattro zampe - Evento unico, spettacolare e “totally charity"

Adrian Stoica, Edoardo Stoppa, Juliana Moreira, Ferruccio Pilenga, Aldo La Spina: sono solo alcuni degli artisti che parteciperanno all’emozionante appuntamento cinofilo "Varese a 4 Zampe”, 1-2 giugno 2019, nella splendida cornice del Parco Z ...
Continua..
Condannato veterinario per malasanità

Gaia Lex Condannato veterinario per malasanità Una vittoria di Gaia Lex, il centro di azione giuridica di Gaia Animali & Ambiente Onlus! I diritti animali si tutelano anche con gli avvocati, nei tribunali... Raccontiamo la tragica stor ...
Continua..

AREE per CANI, istruzioni per l’uso

A cura di ANGELICA D’AGLIANO

 


È molto probabile che quando accederemo all’area per cani più vicina a casa potremo trovare anche altri ospiti, arrivati prima di noi. Cosa fare? La cosa migliore è anzitutto annunciare il nostro arrivo agli altri proprietari e farci dare qualche informazione su gli altri cani presenti, sul loro carattere e su eventuali episodi di aggressività.

Sono pochi minuti ma molto preziosi, attraverso i quali potremo capire se possiamo entrare col nostro amico o se invece è bene aspettare che i presenti abbiano abbandonato l’area.


Sotto controllo

Una volta entrati ricordiamoci sempre che l’area di sgambamento non è un "parcheggio per cani”, anzi, dovrebbe essere uno dei luoghi in cui poter condividere dei bellissimi momenti di vita comune: sarebbe quindi sempre bene non perdere di vista il nostro amico e soprattutto interagire con lui.

Detto questo, anche per quanto riguarda le modalità di interazione ci sono sempre delle cautele che sarebbe sempre bene adottare.


Giochi di lancio?

Se l’area di sgambamento è deserta potremo giocare col nostro amico in completa tranquillità. Se però ci fossero altri cani, prestiamo attenzione ai giochi che proponiamo al nostro beniamino.

Lanciare palline o altri giocattoli potrebbe scatenare la competitività fra i cani presenti e dare il via libera a spiacevoli episodi di possessività. A volte basta qualche piccola accortezza per evitare incomprensioni e incidenti.

 

 Occhio al guinzaglio

Il guinzaglio, croce e delizia di tutti i cinofili, è un altro accessorio che deve essere utilizzato bene.

Se esso ci aiuta a mantenere il controllo sul nostro amico durante le passeggiate all’aria aperta, nell’area di sgambamento dovrebbe invece essere abbandonato. I padroni più ansiosi potrebbero non trovarsi d’accordo con questa affermazione, ma dobbiamo ricordarci che quando un cane è legato si stressa più facilmente e quindi è più portato a diventare litigioso.


 

Piccolino della mamma!

Ma che succede se il nostro beniamino è un cane di piccola taglia e nell’area di sgambamento ci sono solo dei "colossi” che non conosciamo minimamente? Certo, parlare con gli altri proprietari, come detto sopra, ci potrà aiutare a farci un’idea di come siano gli altri ospiti.

In ogni caso, se non ci sentiamo sicuri, il consiglio è quello di attendere pazientemente il nostro turno e lasciare che gli altri ospiti siano usciti prima di entrare.


Bersaglio facile

Se abbiamo deciso di entrare nell’area di sgambamento col nostro cane di piccola taglia evitiamo, quando siamo all’interno, di prenderlo in braccio in presenza di altri cani.

Si tratta di un gesto per molti spontaneo ma che in realtà potrebbe portare non pochi problemi.

Prendere in braccio un cane significa infatti attirare immediatamente l’attenzione su di lui e quindi renderlo più esposto a possibili attacchi da parte degli altri ospiti dell’area.

Inoltre un cane quando è in braccio si sente "sostenuto” dal proprio amico a due zampe e quindi è più probabile che abbia verso i suoi simili atteggiamenti aggressivi.

 

 Meglio aspettare

Senza contare che questo gesto non ci aiuterà a "proteggere” il nostro piccoletto: qualsiasi cane che non sia di taglia piccola o toy, infatti, può raggiungere facilmente il petto e il volto di una persona, questo vuol dire che se decide di attaccare non avrà certo problemi a far del male al nostro amico, e molto probabilmente, purtroppo, anche a noi.

Vale quindi il consiglio dato sopra: in caso di dubbio meglio avere pazienza e aspettare qualche minuto prima di entrare.


 

E se la mia cagna è in calore?

Sembra incredibile a dirsi, ma ci sono persone che non si fanno problemi ad accedere all’area di sgambamento anche quando la loro beniamina è in estro.

In realtà, durante questi periodi così particolari, bisognerebbe evitare con cura le aree frequentate abitualmente da altri cani, anche quando le trovassimo deserte.

Gli odori lasciati dalla nostra amica infatti persistendo nell’ambiente rischierebbero comunque di provocare confusione e litigi.


Attenzione ai bambini

Le aree di sgambamento sono dedicate allo svago dei nostri amici a quattro zampe. A volte vengono però "liberamente interpretate” come spazi in cui far giocare anche i bambini. Questo naturalmente è un atteggiamento sbagliato che può creare non pochi problemi, a noi e agli altri ospiti. Sarebbe bene che i bambini entrassero solo se accompagnati e sorvegliati da persone adulte, capaci di istruirli su cosa fare e cosa non fare in presenza di cani sconosciuti.

 

 


Il cibo è una risorsa molto importante per i nostri amici a quattro zampe, e come tale, può diventare motivo di litigio.

Per questo sarebbe bene non portare cose da magiare e non premiare il nostro cane con bocconcini e leccornie all’interno di un’area di sgambamento.


L’area di sgambamento è uno spazio pubblico, per questo i cittadini sono chiamati a impegnarsi affinché le sue condizioni si mantengano le migliori possibili, nel rispetto di tutti.

Sarebbe bene quindi impedire al nostro amico di danneggiare l’area con comportamenti inappropriati, come ad esempio quello di scavare buche.


Raccogliere le deiezioni del proprio amico è un atto di educazione e di civiltà per qualsiasi cinofilo. Anche quando siamo in un’area di sgambamento è buona regola non lasciare "ricordini” in giro.

Se l’area non è attrezzata con distributori di sacchettini igienici possiamo portarli noi da casa e usarli in caso di bisogno.


Ti potrebbe interessare anche:


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!