IN PRIMO PIANO

Un esercito di Bulldog inglesi e appasionati in arrivo da tutta Italia per il #BULLDOGDAY solidale del C.A.B.I.

Un esercito di Bulldog inglesi e appasionati in arrivo da tutta Italia per IL 19° #BULLDOGDAY SOLIDALE DEL C.A.B.I.   Un esercito di bulldog inglesi sta per invadere la Toscana in occasione del 19° #BulldogDay, il raduno nazionale de ...
Continua..
In arrivo la seconda edizione dell’ITALPET DOG RUN

I BASTIONI SI PREPARANO PER LA SECONDA EDIZIONE DELL’ITALPET DOG RUN: LA CORSA PER GLI AMICI A QUATTRO ZAMPE! All’Ex Zoo, il 29 e il 30 settembre, due giorni di attività dedicate ai cani di tutte le taglie.   Dopo il successo d ...
Continua..
La scienza è più potente quando condivisa: nasce Purina Institute

La scienza è più potente quando condivisa: nasce Purina Institute Purina Institute mette la nutrizione al centro delle conversazioni sulla salute degli animali domestici   Purina annuncia il lancio del nuovo Purina Institute, un’orga ...
Continua..
Tartarughe beach

TARTARUGHE BEACH 2018  Cesena 22 e 23 settembre Anche quest’anno… La  più grande esposizione mondiale specializzata in tartarughe! Sempre nei padiglioni di Cesena Fiera  L’evento, organizzato dal Tarta Club Italia, ass ...
Continua..
Polpette avvelenate killer al parco Spina Verde di Rimini

Polpette avvelenate killer intervengono le Guardie Zoofile   Rimini - Dopo aver ricevuto una segnalazione del ritrovamento di una possibile esca avvelenata, le Guardie Ecozoofile, giunte immediatamente sul posto, hanno potuto constatare l ...
Continua..

ANSIA da separazione

Aiuto, quando sono fuori Fido distrugge tutto!

 

 

 

A cura di ANGELICA D’AGLIANO


L’ansia da separazione è una patologia comportamentale, come detto, scoperta e analizzata in tempi relativamente recenti.

Può colpire tutti i cani ma si manifesta con più frequenza nelle razze meno indipendenti dall’uomo.

Una delle frasi ricorrenti che si sente dire da padroni con cani affetti da ansia da separazione è: "quando sono fuori Fido distrugge ogni cosa”.

In effetti questa malattia si manifesta spesso con comportamenti distruttivi da parte del cane se viene lasciato solo.

Questa carica aggressivo-distruttiva può essere diretta, come abbiamo visto, verso gli oggetti di casa ma può sfociare anche in comportamenti autolesionistici o anche in reazioni aggressive nei confronti del padrone.

Nei casi più gravi si può assistere a cani che cercano di "impedire” al loro padrone di uscire.


Troppa dipendenza, poca autostima

Ma quali sono le cause principali dell’ansia da separazione?

L’eccessiva dipendenza dal padrone e una una scarsa "autostima” che di fatto rende il cane non conscio delle sue possibilità giocano senz’altro un ruolo di primo piano.

Anche un cambiamento negli equilibri affettivi della famiglia, come l’arrivo di un neonato, possono scatenare dei fenomeni di ansia da separazione.

C’è poi un’altra possibile causa, legata invece al distacco troppo precoce del cucciolo dalla madre.

In questo caso il nostro amico sviluppa un attaccamento eccessivo a noi perché ha vissuto in passato l’esperienza traumatica dell’abbandono.

Una dinamica simile si manifesta talvolta in cani adottati in canile.

 

 

Una valutazione sbagliata

Certe persone sono portate a sottovalutare il problema. Alcuni confondono infatti l’ansia da separazione con una manifestazione di amore e non ritengono necessario intervenire.

In realtà, se non viene adeguatamente trattata, l’ansia da separazione rischia di trasformarsi in un problema che può rendere la nostra vita con Fido davvero difficile, soprattutto se il nostro lavoro ci costringe molto tempo fuori da casa.


Comportamenti morbosi

I sintomi che dovrebbero far scattare in noi un campanello di allarme sono tutti i possibili comportamenti morbosi che possiamo riscontrare nel cane nel momento in cui ci assentiamo. I pianti e gli uggiolii eccessivi quando stiamo per uscire, le reazioni incontrollate non appena siamo fuori (come ad esempio "grattare” ossessivamente alla porta), le "feste” esagerate al nostro rientro, l’attaccamento eccessivo ad un nostro oggetto: questi sono alcuni dei segnali che dovrebbero farci capire che forse è il momento di correre ai ripari.

 

Parola d’ordine, prevenzione

Per prevenire questa insidiosa patologia possiamo sforzarci di adottare dei comportamenti adeguati fin da quando Fido è cucciolo.

È molto importante che il piccolo accetti fin da subito la presenza di momenti di solitudine.

Questi non dovranno mai essere introdotti in modo traumatico.

Bisognerà agire con gradualità, allungando via via i tempi a seconda delle caratteristiche e delle reazione del cucciolo.

Purtroppo l’ansia da separazione difficilmente si risolve da sola.

Se il problema è già in atto la cosa migliore è farci aiutare da un professionista (veterinario comportamentalista) che ci aiuterà a ritrovare l’equilibrio perduto.



I sintomi che dovrebbero far scattare in noi un campanello di allarme sono tutti i possibili comportamenti morbosi che possiamo riscontrare nel cane nel momento in cui ci assentiamo.

 

 


Anche cani che provengono da canili possono avere problemi di ansia da separazione.

Il motivo è semplice: avendo già vissuto in passato il trauma dell’abbandono sviluppano un attaccamento quasi morboso alla loro nuova famiglia umana, poiché sono terrorizzati all’idea di perderla di nuovo.


Per prevenire l’ansia da separazione è importante abituare fin da subito Fido a passare dei momenti di solitudine.


All’inizio saranno piuttosto brevi (pochi minuti), poi diventeranno via via più lunghi.

Ovviamente l’introduzione di questi momenti dovrà avvenire in modo graduale, non traumatico e secondo precise modalità.


Una delle cause dell’ansia da separazione è il distacco troppo precoce dalla madre.

Per questo sarebbe consigliabile non acquistare mai cuccioli troppo piccoli.