IN PRIMO PIANO

Great Place to Work

 Great Place to Work® 2019 ROYAL CANIN SI CONFERMA TRA I BEST WORKPLACES ™ ITALIA 2019 L’azienda, pioniera nel pet-friendly office, nella classifica che premia i luoghi di lavoro d’eccellenza in Italia, graz ...
Continua..
Premio ca la zampa puppy

Premio Ca' ZampaPuppy. SONO PIPPO, GEORGE E AXEL I CUCCIOLI VINCITORI DEL PRIMO PREMIO CA’ ZAMPA PUPPY In occasione della National Puppy Day, a Brugherio decine di cani si sono sfidati per aggiudicarsi il titolo di cucciolo ‘più somig ...
Continua..
Farm Company acquisisce la distribuzione esclusiva per l’Italia del marchio Lanco

Farm Company distributore esclusivo Lanco  A partire dal mese di marzo, Farm Company acquisisce la distribuzione esclusiva per l’Italia del marchio Lanco. La storica azienda spagnola, fondata nel 1952, è il più antico produttore europe ...
Continua..
Nel Milanese nasce il primo campus italiano per educatori cinofili

Centro Cinofilo della Viola A Marcallo con Casone un centro di eccellenza per chi ama gli animali Nel Milanese dal 18 al 24 marzo un intenso programma teorico e pratico  LaCittà Metropolitana di Milano si prepara ad accogliere educatori ...
Continua..
Milano Pet Week: a settembre una settimana per celebrare gli animali da compagnia

MILANO PET WEEK Per la prima volta nel capoluogo lombardo, dal 28 settembre al 5 ottobre, un evento ricco di appuntamenti per i nostri compagni non umani: 60 milioni gli animali domestici in Italia Nasce la Milano Pet Week, la ...
Continua..
Hill’s Pet Nutrition e L’Isola dei Tesori uniscono le proprie forze a favore del Rifugio del Cane di Merlara

Hill’s Pet Nutrition & L’Isola dei Tesori Anche il 2019 all’insegna della solidarietà per donare fino a 45.000 pasti ai nostri amici con la coda Per tutto il mese di Marzo, acquistando 10€ di prodotti Hill’s&nbs ...
Continua..

Una memoria... da cani

A cura del Dott. MAURIZIO DIONIGI - Presidente dell’Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili - www.apnec.it


Nel corso della sua vita il nostro amico a quattrozampe deve imparare tante cose:

conoscerci e rapportarsi con noi "bipedi”, saper vivere in un contesto "civile” e allo stesso tempo interagire coi propri simili in maniera equilibrata e corretta… per fare tutto questo la quantità di informazioni che Fido deve conoscere è sorprendente, tanto che non possiamo fare a meno di domandarci: un cane può tenerle a mente tutte o è portato a dimenticarne alcune? Ricorda meglio le esperienze vicine o lontane? Per ricordare una cosa deve ripeterla molte volte? A parlarcene è il dr. Maurizio Dionigi, presidente dell'Apnec (Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili)


Memoria e Memorie

"Nel caso del cane – dice Dionigi – occorre parlare di memorie. Sono più di una e, prima di ogni altra , è necessario descrivere la "memoria di razza". Come dice la parola, la memoria di razza è comune a tutti i cani della medesima razza e riguarda le funzioni per le quali la razza stessa è stata selezionata. Secondo alcuni autori questa si è attenuata nel tempo sino a sparire in una sorta di oblio nella maggior parte degli esemplari perché relegati, nella nostra società, alla funzione di pura e semplice compagnia. Non condivido questa tesi; al contrario, attribuisco alla memoria di razza una precisa responsabilità nella determinazione del comportamento di ciascun soggetto.

Proprio per questo ritengo che ogni cane, anche se deve fare "solo" compagnia debba avere modo di svolgere l'attività che è propria della razza a cui appartiene. Così, ad esempio, un Beagle deve, e sa, trovare e seguire una traccia, un Setter deve, e sa, impegnarsi in ampie e veloci ricerche, un Rottweiler deve, e sa, difendere... e potrei continuare.

"Le funzioni specifiche di ogni razza, rimangono impresse nella memoria del cane ed è come se rappresentassero una sorta di meta alla quale tendere. Un Beagle utilizzato come cane da compagnia non ha certamente mai visto un cinghiale eppure portatelo sulla traccia dell'ungulato e non esiterà a seguirla; non avrà l'esperienza di un vecchio cacciatore, ma scoprirete nel vostro amico un'ostinazione e un impegno insospettabili. Ma non è ancora tutto: dopo essersi cimentato sulla traccia le sue performance miglioreranno in ogni altro campo ( agility, obbedience e via discorrendo…). Questo perché memoria di razza è latente in ogni momento della vita del nostro cane e agire in base ad essa rafforza le motivazioni ad apprendere.”L'esistenza della memoria di razza non può essere mai ignorata e, meno che mai, quando dobbiamo scegliere il cane più adatto a noi!


Cani... urbanizzati

"Detto questo – prosegue Dionigi – dobbiamo poi prendere in esame quella memoria che permette al cane di trattenere informazioni ed esperienze.

Le richieste che presentiamo al nostro amico sono sempre complesse e richiedono ogni volta l'associazione tra uno o più comandi e uno o più comportamenti. (In parole povere: il cane sa sedersi da solo, l'oggetto dell'apprendimento è farlo a comando!).”E' su queste associazioni che il cane urbanizzato deve utilizzare la propria memoria.A questo punto la domanda è: dopo aver condotto le sequenze di apprendimento nel modocorretto che cosa determina la loro fissazione nella memoria o il loro oblio?Per una memorizzazione efficace e permanente ritengo importanti alcuni elementi: la coerenza con la memoria di razza, la consuetudine con il lavoro, la progressione nella complessità delle richieste, la motivazione. In altre parole: se rispettiamo il nostro cane e utilizziamo il metodo naturale…più chiediamo, più il cane è motivato, più il cane apprende!”



Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!