Il pesce combattente Betta Splendens

                       Un guerriero in acquario


Pesce particolare e interessante, il Betta splendens è diffuso in Indocina e Arcipelago indonesiano, dove vive in piccoli corsi d’acqua e acque stagnanti come acquitrini e risaie.

Il Betta splendens viene chiamato comunemente "Pesce combattente” a causa dell’innata aggressività dei maschi, aggressività che si manifesta anche al di fuori del normale periodo riproduttivo.


All’ultimo sangue

A causa del loro carattere bellicoso, in Oriente i Betta splendens sono protagonisti di combattimenti molto cruenti ai quali assiste un gran numero di persone. Su queste lotte all’ultimo sangue, che si concludono di solito con la morte di uno dei due contendenti, a volte di entrambi, vengono scommesse ingenti somme di denaro.


Pinne fluenti

In natura i maschi e le femmine sono bruni con zone rosse e verdi.

Per l’acquariofilia sono state selezionate varietà in cui il maschio presenta colori decisamente sgargianti (blu, rosso) e pinne più grandi e fluenti rispetto a quelle dei colleghi selvatici. La femmina si distingue dal maschio perché è molto meno colorata e ha pinne decisamente più piccole e corte.

 

I valori fisico-chimici dell’acqua: temperatura 25-28°C, pH 6-7, durezza 5-12°dGH.

 

Solitari

I Pesci combattenti non andrebbero mai ospitati in acquari di comunità perché potrebbero dimostrarsi aggressivi nei confronti degli altri ospiti dell’acquario, soprattutto se si tratta di pesci dotati di pinne appariscenti, lunghe e ampie. I maschi come già specificato, non andrebbero mai tenuti insieme, perché sono molto aggressivi tra di loro.


Pesci con coperchio

Per ospitare i Pesci combattenti possono essere utilizzate vasche di 60 litri di capacità e 70 centimetri di lunghezza. Il fondo deve essere realizzato con sabbia fine, non eccessivamente chiara, l’arredamento con una radice di torbiera e ricca vegetazione.

I Betta splendens non possono essere tenuti in acquari aperti (senza coperchio), perché hanno bisogno di aria calda e umida sulla superficie dell’acqua.


Padri modello

La riproduzione nel pesce combattente è molto particolare. Il maschio costruisce un nido galleggiante di schiuma e detriti all’interno del quale attira la femmina per l’accoppiamento. Essa verrà cacciata subito dopo l’accoppiamento stesso. Infatti è solamente il maschio ad occuparsi della cura e della difesa del nido fino alla schiusa delle uova (che avviene circa 24-48 ore dopo). Gli avannotti vengono abbandonati solo quando sono in grado di nuotare autonomamente.


Aria e labirinti

I pesci che popolano le acque ferme e stagnanti ogni giorno devono fare i conti con la mancanza di ossigeno caratteristica di questi ambienti. Il quadro è aggravato ai tropici, le cui elevate temperature riducono ancora di più la concentrazione di questo preziosissimo gas. Per questo il Pesce combattente (ma anche altre specie della famiglia dei Belontidi) possiede il "labirinto”, un organo respiratorio del tutto particolare, molto ricco di vasi sanguigni, che aiuta a prelevare dall’aria l’ossigeno che manca.

 

 

I pesce combattente andrebbe nutrito con alimenti liofilizzati, congelati e soprattutto con prede vive, come larve di zanzara, tubifex, dafnie e altro. Comunque si può adattare anche a consumare cibo secco.



Pesci che affogano

I pesci dotati di "labirinto” hanno le branchie ma in caso di bisogno possono prelevare ossigeno direttamente dall’atmosfera tramite delle vere e proprie boccate d’aria sul pelo dell’acqua.

L’ossigeno viene trasferito nel sangue attraverso il "labirinto”. La frequenza delle "boccate” dipende dall’ossigenazione dell’acqua. Molte specie sono obbligate a respirare saltuariamente con il "labirinto” perché con le sole branchie non riuscirebbero ad assicurarsi una quantità sufficiente di ossigeno. Paradosso: se si impedisse loro di portarsi sulla superficie dell’acqua morirebbero affogate.

 

Lottando fra loro i pesci combattenti arrivano a procurarsi delle brutte ferite. Nei casi più gravi si può arrivare perfino all’uccisione dell’esemplare più debole.


Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!