Autorizzazione Privacy
Petfamily
<


Condividi con: Facebook  Twitter  Google+  Email 

 

Le cose che ogni aspirante acquariofilo dovrebbe sapere

In collaborazione con AcquariofiliaItalia

 

Quante volte è capitato di sentire persone che rifiutano anche solo l’idea di avere un acquario perché un "amico dell’amico” ha detto loro che l’acquario costa, è difficile da mantenere e i pesci muoiono sempre?

Nello scorso numero di Pet Family News abbiamo smontato una ad una le principali dicerie che si raccontano su questo hobby meraviglioso, per dimostrare come un acquario ben condotto sia in realtà un’esperienza istruttiva e rilassante.

Adesso è giunto il momento di scoprire alcune interessanti verità sul sorprendente mondo acquatico casalingo.



L’acquario è un mondo estremamente istruttivo ed interessante per i bambini, che spesso vivono in un universo fiabesco dove le cose brutte non esistono. In realtà la vita ha i suoi aspetti belli e brutti: è giusto proteggere i bambini dai lati peggiori della realtà ma è altrettanto giusto prepararli gradualmente a quello che incontreranno nella loro crescita.

In questo caso l’acquario rappresenta uno spaccato del mondo della natura, dove vita e morte sono indissolubilmente legate in un ciclo a volte duro ma reale. Osservando il loro acquario i bambini impareranno che la natura è affascinante ma anche spietata, che si nasce e si muore, che esistono i prepotenti, i timidi, i forti, i deboli, le ingiustizie , l’amore e perché no, anche il sesso.

Invece del classico discorsetto sull’ape e il fiore, infatti, i genitori dei piccoli acquariofili potranno approfittare di quanto combinano gli abitanti della vasca per introdurre argomenti spesso imbarazzanti come il concepimento e la nascita... pertanto ben venga l’acquario se può aiutare ad affrontare in modo scanzonato argomenti seri che i genitori talvolta non sanno come approcciare.


Una scienza divertente

Diciamoci la verità: a parte alcune rare eccezioni, la scienza non appare ai ragazzi come il massimo del divertimento, a meno di non avere docenti particolarmente bravi ed in grado di farli appassionare alle lezioni di chimica o fisica.

Ebbene, grazie alla presenza in casa di un acquario, saranno i ragazzi stessi a porsi domande nel campo della chimica, della fisica, dell’ecologia, della zoologia o della botanica e a scoprire che le risposte magari risiedono in quella noiosa lezione che il professore di scienze aveva fatto mesi addietro e che a quei tempi non aveva per niente catturato il loro interesse.

Quindi l’acquario si può considerare anche un valido aiuto alla didattica e perciò la sua presenza è auspicabile non solo a casa, ma se possibile, anche a scuola.

 

Grazie ai numerosi gruppi di acquariofili on line ed ai social network, oggi avere un acquario permette anche di fare conoscenze e, perché no, trovare nuovi amici.


Non solo per i giovani

Se l’acquario per un bambino o un ragazzo rappresenta un’utile esperienza, a maggior ragione lo sarà per un adulto e soprattutto per un anziano.

Avere infatti un interesse mantiene il cervello in forma ed avere qualcosa di cui occuparsi rende la solitudine più sopportabile e le giornate meno noiose.

Poi, data la presenza di numerosi gruppi di acquariofili attivi on line ed ai social network, si possono anche fare nuove conoscenze e condividere le proprie esperienze con altre persone. Poiché da cosa nasce cosa, a partire dalla condivisione delle esperienze acquariofile magari potranno nascere amicizie da coltivare anche nella vita reale.


Meglio di un antidepressivo

È stato provato da numerose ricerche che osservare il lento e sinuoso movimento dei pesci, soprattutto se in abbinamento con un lussureggiante giardino subacqueo, ha un effetto rilassante. Le nuove tecnologie di illuminazione a led che provocano un gioco di luci ed ombre uguale a quello che si osserva tipicamente sulle rive di un lago o del mare, provocano in chi osserva un senso di tranquillità e pertanto l’acquario può rappresentare un aiuto prezioso per eliminare lo stress della vita quotidiana.

 

Un reality show da salotto
Siete appassionati del "Grande Fratello”? Il gossip vi affascina? In un acquario potrete assistere ad un vero reality show quotidiano: amori, tradimenti, adulteri, passioni, mobbing e talvolta (purtroppo) anche nomination ed uscite dalla "casa”. Più di una TV, meglio di una TV.


Una questione di design

Ormai non c’è più la scusa che un acquario è brutto e non si integra affatto con il resto dell’arredamento.

Oggi esistono infatti acquari molto belli che possono fare una splendida figura praticamente ovunque.

Dato che l’acquariofilia poi è un hobby che statisticamente attira più uomini che donne, molte aziende produttrici di acquari hanno cercato con successo di colmare questa lacuna producendo vasche dalle linee accattivanti per il pubblico femminile e questo risolve finalmente l’annoso conflitto tra il marito che vuole acquistare l’acquario e la moglie che perennemente boccia il progetto per motivi "estetici”.

Per quanto riguarda poi gli occupanti animali e vegetali della vasca, anche i più scettici saranno in grado di riconoscere che la natura è il miglior architetto esistente. Dunque abbiamo confutato una serie di falsità che come leggende metropolitane si sono diffuse negli anni sugli acquari ed in più abbiamo dimostrato che un acquario non è solo un divertimento ma può anche rendere la vita più interessante. Io a questo punto correrei ad acquistarne uno... e voi?

 

 

Ti potrebbe interessare anche:

Le notizie false che si raccontano sugli acquari - prima parte




Gentile lettore, puoi richiedere gratuitamente una copia della nostra rivista PET FAMILY.
Bastano pochi click per entrare nel mondo PET FAMILY!


In questa sezione troverai PET FAMILY news in formato digitale, PRONTA DA LEGGERE!


Puoi inserire annunci sul mondo PET e trovare quello che stavi cercando, come ad esempio un nuovo amico!